bimba
 

Home  |  Torna indietro

i

Si usa la corona del santo Rosario.


All'inizio: Nel nome del Padre,
del Figlio, dello Spirito Santo. Amen

 

Rinnoviamo la nostra professione di fede:
A Credo...


B Sui tre grani che collegano la croce della corona alla medaglia: "Santissima Trinità noi ti ringraziamo per quello che creasti, che hai fatto e per quello che ci donerai. A nome nostro e del mondo intero."

 

Preghiera iniziale:
"Con questa coroncina vogliamo ringraziarti Signore Dio per aver creato i Cieli, la Terra e l'uomo, per averlo posto al centro dell'universo rendendolo unico.
Vogliamo ringraziarti perché nel Figlio Gesù ti sei incarnato nel seno della Vergine Maria e perché, nascendo nella capanna di Betlemme, soffrendo sul Calvario e morendo in croce, ti sei fatto uomo, comprendendo le nostre fragilità e anche le nostre virtù; perché con la Resurrezione ci hai salvati dal peccato e ci hai dimostrato la vera e pura esistenza del Signore; perché hai istituito l'Eucarestia e gli altri Sacramenti.
Infine vogliamo ringraziarti per averci donato lo Spirito Santo, che con i Suoi sette doni illumina la via che ci conduce a Te. Amen"

 

C Sui grani del Padre nostro:
"Per il meraviglioso progetto che stai portando avanti sull'uomo e sul mondo intero.
Noi vogliamo soltanto ringraziarti, Signore."

 

D Sui grani dell'Ave Maria:
"Signore, vogliamo con gioia, dal profondo del cuore, elevare il nostro grazie a Te.
Per le meraviglie che hai creato e per le attenzioni di cui ci circondi sempre."

 

Preghiera finale:
"Signore Dio, noi ti ringraziamo per esserti fatto uomo nel Figlio Gesù, per aver voluto essere un Dio misericordioso che capisce i nostri limiti umani, ci perdona sempre e ci dà la capacità di discernere tra bene e male.
Ti ringraziamo, Signore, per essere Dio Amore che ci ama, ci protegge sempre e ci dona ottima salute, grazie e miracoli ovunque siamo e ovunque andiamo. Tu, Signore ti fidi talmente tanto dei tuoi figli che sotto la croce ci donasti la tua giovane Madre, affinché, non lasciandoci mai soli, Lei ci ricordi sempre che Tu sei l'unico Dio in grado di farci godere della vita eterna. Amen"

 

i

 

Questa coroncina è stata composta da una ragazza di quattordici anni, Giulia Gabrieli della parrocchia di san Tomaso in Bergamo. Ha vissuto l'esperienza della malattia, negli ultimi due anni della sua vita, in un crescente cammino di abbandono fiducioso in Dio, al quale lei si rivolgeva in tono confidenziale "dandogli del TU, come ci si rivolge al proprio papà".
Spesso nelle sue testimonianze ai giovani diceva: "la prima cosa da guarire è dentro".
Gli ultimi mesi della sua vita sono stati come una danza durante la quale la sofferenza si è tramutata in un inno di ringraziamento. Nonostante fosse molto provata ha completato il testo di questa preghiera.

Sentiva forte l'esigenza di scriverla quasi in risposta ad un bisogno. Scrivere per lei era faticoso, ma era un momento di grande concentrazione e raccoglimento, quasi fosse un dialogo con Dio. Ha curato ogni singola parola affinché trasparisse la gratitudine per i doni del Signore e per la loro bellezza.
Al culmine della sua sofferenza, la sera del 18 agosto, a un passo dal cielo, ha composto la preghiera finale. Per lei era prezioso ringraziare Gesù che sulla croce ci ha donato la sua giovane Madre. La sera del 19, al termine della Via Crucis dei giovani con il Papa alla GMG 2011 di Madrid, Giulia ha coronato il suo sogno.

 

i

 

Scarica PDF >>>